Qui trovi una selezione dei migliori sandali per il running, l’alternativa migliore ai già citati FiveFingers, per provare la sensazione di correre a piedi nudi.

I sandali da corsa o sandali minimalisti, sono esplosi da quando Christopher McDougall (autore best-seller, Born to Run nel 2009) osservando l’antica e sovrumana cultura del popolo Tarahumara in Messico ha sostenuto che gli umani si sono evoluti correndo a piedi nudi e che i progressi nelle scarpe da corsa hanno ironicamente portato a più danni che benefici.

Classifica migliori sandali per il running minimalista

Luna Sandals Oso

migliori sandali per il running

 

Teva Sandal

Vivobarefoot Achilles Sandal

Teva – Vivobarefoot Eclipse

OOfos Original

Scegliere i migliori sandali per il running

migliori sandali per il running

  1. Zero Drop. L’altezza della parte posteriore del sandalo deve essere uguale alla parte anteriore o avere “zero drop”. Ciò è in diretto contrasto con la maggior parte delle scarpe da corsa che generalmente hanno il tacco un po’ più alto (es.20 mm) rispetto alla punta (es.15 mm), quindi una differenza totale di 5 mm.
    Lo zero drop è una caratteristica distintiva di un sandalo minimalista e consente di colpire il terreno con la parte mediale del piede. A piedi nudi l’impatto sarebbe più bilanciato rispetto a quando si indossano le comuni scarpe da corsa e causerebbe meno traumi.
  2. Suole sottili. Idealmente 12 mm o meno, oltre non si ottiene quella vera “sensazione di correre a piedi nudi” – sarà più simile a una scarpa da corsa tradizionale. Preferire le suole nella gamma 5-8 mm.
  3. Plantare piatto. Occhi se sei iperpronatore. Il terreno è piatto e i sandali per il running non forniscono ai piedi un supporto all’arco perfettamente personalizzato. Se vuoi che i tuoi sandali imitino il terreno senza alcun sostegno, tieni i piedi piatti a terra.
  4. Leggero. Idealmente i sandali per beneficiare del “barefoot” devono pesare 340 grammi o meno.
  5. Cinghie per il cinturino. Avere la tracolla in tessuto tra le dita dei piedi può consentire alle dita dei piedi di allargarsi. Un cinturino orizzontale invece può stringere le dita dei piedi e causare infiammazione alle nocche (la metatarsalgia).

Sandali da corsa barefoot

La soluzione all’aumento delle lesioni correlate alla corsa sarebbe dunque quella di correre scalzi, ma per non rischiare di incombere in oggetti appuntiti, una soluzione è indossare sandali per il running minimalisti.

Mentre in questo articolo hai potuto conoscere i marchi dei migliori sandali per il running minimalisti, se ti interessano le calzature minimaliste, qui trovi le migliori “scarpe con le dita”.


Giangiuseppe
Giangiuseppe

Quando si corre tutti cercano una combinazione ottimale fra estetica e comodità. La mia mission è condividere consigli e recensioni su abbigliamento e accessori running per migliorare la tua esperienza di corsa!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato